Arredo giardino per l’estate 2015 – 2a parte

Eccoci al secondo appuntamento con le tendenze per l’arredo giardino 2015. Oggi vi parliamo delle proposte in metallo.

Vi abbiamo già parlato delle tendenze per l’arredo giardino di questa estate 2015 che è ormai alle porte, presentandovi per prime le proposte in plastica e rattan sintetico. Oggi vogliamo parlarvi di un altro materiale che da sempre è re incontrastato negli arredi, non solo outdoor ma anche per la casa.

metallo-2Il metallo si presenta oggi in tante varianti. Diventa una textures traforata, colorata, a cui abbinare tavolino divano e accessori, si adatta facilmente a diverse esigenze e grazie all’impiego di strutture leggere e resistenti è pratico e facile da gestire.arredo-giardino-metallo-4Chaise longue, panche fioriera, tavolo e sedie, consolle tecno, poltrone-divano e tavolo basso tutto corredato dagli accessori necessari per le nostre richieste. Alle struttura in metallo si abbina l’unicità e compattezza dei piani in legno. I dettagli si fanno sempre più ricercati e i sistemi di movimentazione e inclinazione più adatti per essere comodi.

arredo-giardino-metallo-3Al Salone del Mobile 2015, ci hanno invitano sempre più a considerare gli spazi esterni come parte integrante della casa e ad arredarli con uno stile preciso e omogeneo. Una delle tendenze viste al Salone del mobile vuole arredi freschi, leggeri, “facili” da ambientare, con una linea pulita, e perché no talvolta anche vintage. Campo libero ai colori neutri come il bianco e il tortora e nelle fresche tonalità del verde menta e del celeste. Le strutture sono leggere, in metallo trattato o in materiale plastico, destinate a durare nel tempo non solo per l’alta qualità dei materiali, ma anche per il design elegante e pulito, privo di eccessi che possono stancare.

Articolo scritto da

http://www.mammeaspillo.it/stile-di-vita/arredo-giardino-per-lestate-2015-2a-parte/

 

VRA2

Arredamento outdoor per l’estate 2015 – parte 1

La casa diventa più grande se si può attrezzare lo spazio esterno come se fosse una stanza aggiuntiva. Ecco qualche idea per stare comodi con l’arredamento outdoor per l’estate 2015…

Le giornate di sole finalmente stanno arrivando e potremmo di nuovo tornare a godere quei momenti di relax all’aria aperta nei nostri giardini e terrazze. Piante e fiori daranno profumo e colore ma i veri protagonisti saranno i divani, le poltrone, i tavolini che non ci faranno rinunciare a comodità, eleganza e praticità.
Come per la casa, anche per l’arredamento outdoor le possibilità sono davvero tante, tra colori, materiali e tipologia di complementi. L’importante è sempre valutare le esigenze, gli spazi utilizzabili, il budget, senza però mai rinunciare al gusto personale, allo stile e alla propria creatività.

L’esterno è ormai un vero e proprio prolungamento dell’abitare indoor, i complementi di arredo si fanno sempre più attraenti e complicati. Strutture in alluminio e polietilene di alta qualità sono ibridati con cemento, metallo, legno, tessuti. Soluzioni di design che un tempo si ammiravano solo nelle residenze di prestigio, negli hotel, nelle spa, nelle piscine, nelle terrazze di lusso, sono finalmente alla portata di tutti.

arredo-giardino-rattan-3

arredo-giardino-rattanPer chi è amante di un gusto raffinato il salotto in rattan sintetico è l’ideale. La semplicità e l’eleganza dell’intreccio sono sicuramente un must per ricreare la comodità del soggiorno anche all’aperto. In base allo spazio a disposizione basterà scegliere una composizione più semplice, un piccolo divano a due posti, una poltroncina e tavolino con un raffinatissimo piano in vetro trasparente. Se si ha disposizione una terrazza coperta va bene anche il divanetto in rattan naturale, sempre da abbinare a poltrona e tavolino.

arredo-giardino-plasticaLa plastica permette una combinazioni notevole di forme e colore tanto che i designer la utilizzano per creare salotti dallo stile moderno, giovane e personalizzabile secondo il proprio gusto. Si passa così dai modelli più sobri a quelli più eclettici.arredo-giardino-plastica-2Io consiglio con la plastica di osare con tinte vivaci e forme che richiamano quelle della natura e danno al nostro soggiorno quell’idea di open air, fresco, elegante e alla moda. I colori più delicati creano anche un bell’effetto coniugando tradizione e avanguardia.

 

Articolo in collaborazione con

http://www.mammeaspillo.it/stile-di-vita/arredamento-outdoor-per-lestate-2015-parte-1/

VRA2

Il ritorno della carta da parati

Voglia di rinnovare la vostra casa con l’arrivo della bella stagione? Da oggi torna un grande alleato, la carta da parati, in nuove fantastiche versioni!

L’arrivo della bella stagione porta voglia di novità e di cambiamenti e tra questi anche il desiderio di rinnovare la propria casa.
Il ritorno della carta da parati è uno dei principali trend dell’interior design del 2015 che ci permette di rinnovare la propria casa non comportando necessariamente grandi modifiche o grandi ristrutturazioni.oro

Classico dell’interior design degli anni Settanta, la carta da parati al giorno d’oggi, grazie alle diverse tipologie di materiali e posa, alle varietà di soluzioni disponibili sul mercato, viene ormai utilizzata in ogni tipo di ambiente, dal soggiorno, alle camere da letto, dalla cucina fino, addirittura, al bagno.
Si può tranquillamente parlare di una sua seconda vita ritornando ad essere un complemento d’arredo sempre più di moda e, come tutto quello che ci circonda, anch’esso più tecnologico.carta-da-parati-cucinaChiariamo subito che le carte da parati moderne nulla hanno a che vedere con quelle dei nostri nonni. Sono molto resistenti nel tempo e hanno caratteristiche tecniche innovative. Quella in vinile, ha la particolarità di poter essere lavata senza il rischio di rovinarsi o perdere colore; quella in fibra naturale, come ad esempio la carta di riso è un ottima soluzione per i più attenti all’ambiente. Le carte da parati utilizzate nei bagni sono una sorte di tessuto non tessuto, resistenti all’umidità e quindi idonee ad essere collocate in questi tipi di ambienti.Anche la carta da parati si proietta al futuro guardano alle tecnologie “green” e all’ecosostenibilità: basti pensare che in Finlandia è stata inventata dal team del VTT Technical Research Center una carta da parati solare adatta sia ad ambienti interni che esterni.

carta-da-parati-bagno

La personalizzazione diventa un must nel design contemporaneo. Tramonta lo stile preconfezionato ed emerge sempre di più quello fatto su misura ed esclusivo.
L’ espressione Limited Edition soddisfa il gusto dell’esclusività ed il piacere del possedere un oggetto bello perché unico. Le carte da parati offrono soluzioni per ogni tipo di esigenza: si spazia tra proposte di collezioni stampate in digitale o su fondi tessili pregiati ed ancora con decorazioni in rilevo.carta-da-parati-camera-da-letto

Dalle fantasie più ricercate e alla moda, alle grandi fotografie che riproducono skyline di città, paesaggi sottomarini, passando per i fumetti. Ci si può lasciar tentare dai colori più accesi o viceversa, oppure puntare sulla classe senza tempo del bianco e nero. Non mancano le suggestioni vintage delle geometrie come le soluzioni etniche e industrial.

Si amplia l’offerta e le carte assecondano le esigenze di ciascuno e calzano a pennello in qualunque ambiente all’interno dell’abitazione. Sarà piacevole creare un angolino decorato a nostro piacimento. Se poi si è indecisi e non si ha idea di cosa scegliere, meglio rivolgersi ad un tecnico esperto, che grazie alla esperienza e alla progettazione 3d, sarà in grado di simularti la collocazione della carta all’interno di qualunque ambiente, in modo da facilitarvi nella scelta.carta-da-parati-camera-da-letto-camera da letto_bambini

La tendenza, come nella moda, prevede il ritorno dell’Oro, per dare un tocco un di opulenza. Pantone ha decretato che sarà il Marsala il colore dell’anno e il Blu, che si accorda perfettamente al Marsala, è stato indicato da molti interior designer come il secondo colore di tendenza nel 2015.
Le proposte più trend prevedono lo “sdoganamento” della carta da parati introducendola negli uffici,negozi e luoghi pubblici, pensate ad esempio a un ufficio pubblico vivacizzato da motivi moderni e accoglienti!

Per quanto riguarda i prezzi, prima di scegliere la fantasia, conviene sempre farsi stilare un preventivo su misura (non tutte sono così economiche ahimè!).

Articolo di
valentina-rinaldi

http://www.mammeaspillo.it/stile-di-vita/il-ritorno-della-carta-da-parati/

#cataniapasstour, viaggio in Sicilia con Instagram

Il racconto di una meravigliosa giornata fotografando la Sicilia con Instagram grazie al #cataniapasstour

Come sapete noi Mamme a Spillo siamo membri attivi di instagramers Italia, l’associazione che riunisce gli appassionati di mobile photography. Ecco perchè oggi vi racconto un meraviglioso tour alla (ri)scoperta di angoli nascosti della stupenda Catania in compagnia di alcuni tra i maggiori influencer italiani.

16 maggio, sabato mattina, la giornata è perfetta, la temperatura ideale, non potevamo che essere oltre 50istagramers di tutta Italia a ritrovarci in piazza Mazzini, spinti dalla passione di scoprire e immortalare con i nostri smartphone, carichi e con memoria libera, angoli, colori, volti di una città che vale la pena di visitare…Catania.Catania_tutti pronti per il #cataniapasstour

Organizzato dalla community di @igers_catania con @cataniapass e @citymapcatania il tour si è svolto all’insegna del divertimento, dell’amicizia e della promozione turistica del territorio etneo.
Visitata la prima tappa, la Cattedrale di Sant’Agata in piazza Duomo, siamo scesi nei sotterranei dove si trovano le Terme Achilliane. Istagrammate tutte le Terme abbiamo invaso il Museo Diocesano dove si conserva il fercolo di Sant’Agata, patrona della città. Dal terrazzo del museo Diocesano gli instagramers hanno goduto un magnifico punto di vista della città e si sono “scialati” a scambiarsi scatti, con batterie già scariche dopo sole due ore di tour.

Catania_PiscarìaIl gruppo, dopo la tappa alla “Piscarìa”, il mercato del pesce più caratteristico e folcloristico della città, si è riunito sotto la Fontana dell’Elefante, “u Liotru” cosi chiamato l’elefante dai catanesi, simbolo della città di Catania, dove hanno incontrato l’Assessore al turismo Orazio Licandro e il consulente del sindaco per il marketing territoriale Livio Gigliuto. Entrambi sorridenti e soddisfatti del lavoro di promozione turistica che gli instagrammers fanno nei vari canali social media condividendo i loro bellissimi scatti, si sono fatti con noi il selfie di gruppo.Catania_terrazza del Museo Diocesano

Arrivata l’ora di pranzo, affamati, ci siamo incamminati per il break da “Pani Schittu”, un delizioso panificio dove poter gustare, oltre la classica tavola catanese, anche degli ottimi panini imbottiti con prodotti tipici a km0. Rifocillati, ci siamo diretti verso Il monastero dei Benedettini, secondo per grandezza di tutta Europa, dove ad aspettarci c’era Claudia, bravissima e simpaticissima guida di Officine Culturali, l’associazione che si occupa della promozione turistica del Monastero.

La carovana ha poi proseguito il tour con la visita alla casa di Vincenzo Bellini e al Museo Emilio Greco. Alle 18 l’appuntamento era al borghetto europa per l’aperitivo-academy con i ragazzi della community di Napoli, Milano e Palermo. Qualcuno instancabile ha proseguito il tour in notturna al Castello Ursino, in occasione della Notte dei Musei, a vedere la Mostra di Picasso.

Dopo un’intesa giornata, a noi tutti instagramers non rimane che aspettare la mostra organizzata in collaborazione con il comune di Catania in cui verranno esposte le foto selezionate ritenute più belle con l’hashtag ufficiale #cataniapasstour #cataniapass.

Articolo scritto da Valentina Rinaldi | @valerina76

http://www.mammeaspillo.it/stile-di-vita/cataniapasstour-viaggio-in-sicilia-con-instagram/

IL CONSERVATORISMO ITALIANO IMPEDISCE DI FARE ARCHITETTURA?

PEOPLE_ IL CONSERVATORISMO ITALIANO IMPEDISCE DI FARE ARCHITETTURA?

A CURA DELL’ARCH. JR. LORENZO DI BELLA E DI  SANDRA A. ARIZABALO

rinaldiArch. Valentina Rinaldi

“C’è chi ritiene che il destino dell’architettura italiana sia quello di vivere all’ombra di epoche passate; c’è chi è convinto che l’architettura sia morta; c’è, infine, chi pensa che l’architettura italiana viva una profonda e preoccupante stagnazione, in quanto figlia di quell’assunto ideologico chiamato conservazione. Spetta agli architetti il difficilissimo compito di rimettere nel giusto contesto la dialettica antico/moderno, mirando a creare un ambito territoriale nuovo con un’intelligente operazione di “riciclaggio” della storia e dello storico, ma che coinvolga la creatività contemporanea e la più avanzata tecnologia. Tutto ciò nel rispetto dell’antico, che fa parte del più grande patrimonio culturale riscontrabile in Europa e nel mondo. Appare necessario, pertanto, sostenere e incoraggiare tali forme di espressione per tornare a fare Architettura nella patria dell’Architettura.”

 

http://www.sensimagazine.it/sensi/people/people_-il-conservatorismo-italiano-impedisce-di-fare-architettura/

Draft Book Geberit 2014 / studio ex_tempore

Cos’è Draft Book Geberit

Draft Book Geberit è un format di comunicazione dedicato agli architetti e ai progettisti, promosso – in collaborazione con l’agenzia SignDesign da Geberit.

Il risultato finale è stata la pubblicazione in una edizione dedicata – il Draft Book Geberit – di interpretazioni disegnate da un gruppo di progettisti selezionati su un tema legato ad una idea innovativa di ambiente bagno, con un unico vincolo: quello di inserire Geberit AquaClean come elemento.

Il secondo volume  del Draft Book Geberit è stato presentato al Fuori Salone 2014. In occasione del FuoriSalone 2014 al Museo Minguzzi (Via Palermo 11- Milano) Mercoledì 10 Aprile, Geberit ha presentato il Draft Book realizzato insieme ad architetti e interior designer per raccontare come l’ambiente bagno può essere risolto creativamente attraverso l’installazione di un vaso-bidet Geberit AquaClean.

 

IL CONCEPT DEL NOSTRO PROGETTO SELEZIONATO 

MIMESI DELL’ESSENZIALE : AquaClean Sela è la mimesi dell’essenziale… racchiude in se diversi oggetti e funzioni e in maniera estetica e li mette insieme su un oggetto solo. Con questo concept il bagno diventa un modulo di dimensioni minime capace di contenere in uno spazio, prima impensabile, tre diverse funzioni. Il bagno diventa un piccolo contenitore di tecnologia e comodità che dialoga in maniera discreta con l’ambiente circostante. Un modulo capace di funzionare da solo o inserito all’interno di uno spazio più ampio. Il modulo minimo: dove ciò che prima era il superfluo diventa l’indispensabile. Da modulo minimo a modulo standard: in meno spazio tutti i comfort per un’ unità abitativa ordinaria. Dal modulo minimo al luxury: il modulo minimo diventa il fulcro attorno al quale si sviluppa un’ambiente più ampio che diventa il suo cuore essenziale, tecnologico, funzionale, estetico.

studio ex_tempore - mimesi dell'essenziale

STUDIO EX_TEMPORE : Gilberto Alessandro Motta e Valentina Rinaldi, architetti, collaborano in ex_tempore dal 2011. Ex_tempore nasce con l’intento di unire due professionalità, personalità e esperienze diverse unite dalla consapevolezza che l’architettura è lo strumento essenziale per migliorare la qualità della vita e dello spazio vissuto. Ex_tempore diventa lo spazio delle intersezioni tra i due progettisti. Ogni progetto è per loro il risultato di una serie di approcci di tipo tecnologico, funzionale, estetico, culturale ed emozionale, che condizionano e interagiscono con le logiche del tema che si deve affrontare. Il campo d’azione copre tutte le esigenze che ruotano intorno alla progettazione. Si occupano principalmente di ristrutturazioni di interni ma il loro lavoro spazia dal design alla pianificazione urbanistica e al restauro.

 
 

LABDESIGN_ EVENTO SECONDO CICLO

lab design

LabDesign”  è un evento, organizzato dall’ Ordine degli Architetti di Catania in collaborazione con  lo showroom Arredi Gallina e Valcucine, nota azienda di cucine italiana. Il laboratorio di design ha coinvolto  33 architetti, divisi in quattro gruppi, ognuno con il proprio direttore di laboratorio,  al lavoro per la progettazione di una cucina.

Il secondo ciclo, con Giuseppe Parito come Direttore di Laboratorio,  ha avuto come tema “Ri-cucina”. Reinterpretazione dei concetti del “ri-ciclare, ri-fare, ri-vedere, ri-costruire, ri-progettare”, i sette progettisti alla fine del proprio ciclo di laboratorio,  hanno affrontato con tre progetti differenti la tematica scelta.

Pierantonio Corpaci e Francesco Di Domenico hanno proposto “Earth Kitchen”, in cui la cucina viene proposta in un blocco di terra cruda;

Sebastiano Adragna e Roberta Perrone hanno progettato “Mood”, una cucina legata alla cultura contadina siciliana,

Melissa Duello, Agata Petrillo e Valentina Rinaldi con “Kitos” hanno reinterpretato il concetto di “componibilità”.

KITOS.  Il  progetto mira a ri_organizzare Meccanica, un modello di cucina all’interno del brand  Valcucine. Meccanica rappresenta una vera e propria innovazione sotto l’aspetto generale del suo essere sistema di arredo s/componibile, flessibile, autoportante, modulare, personalizzabile. Attraverso l’analisi di tre temi progettuali: la costruzione di un nuovo brand (RE_BREAND), l’implementazione della sua capacità di diventare sistema operativo aperto sul piano progettuale e produttivo (RE_LEASE), la possibilità di pensare ad uno spazio di vendita dedicato, progettato intorno ad essa (RE_STORE) si sono fatte emergere le potenzialità di questa cucina.

Il progetto finale,  è stato  la creazione di un installazione, all’interno dello showroom Arredi Gallina, con l’intento di far emergere le potenzialità di Meccanica (Kitos_) nel suo essere ripensata e riadattata con nuovi gradi di libertà, come sistema aperto a nuovi punti di vista.

DSC00758

IMG_6761

DSC00757

https://labdesignarredigallina.wordpress.com/